Intervista a Marica Masciale

IMG_20170223_195027.png

Marica Masciale fa parte del Movimento Educativo Filosofiacoibambini®.
Lavora in qualità di Membro Ufficiale del Team su Bari e Provincia.

Abbiamo scelto d’intervistarla, ringraziandola pubblicamente
per il grande impegno umano e professionale che ogni giorno mette
nel Progetto, diffondendo il Metodo Educativo Filosofiacoibambini®.

****

Come ti senti quando lavori al Progetto Filosofiacoibambini®?

Sento di essere in perfetta sintonia con la parte più intima di me stessa. Provo insieme un senso di pace e gioia incontenibile, perché ogni singolo momento di studio e di pratica in classe con i bambini si nutre della convinzione profonda nel valore del Metodo Filosofiacoibambini®.

Come ha influito nella tua vita l’incontro con questo Progetto Educativo?

Non posso fare a meno di ammettere che quello con Filosofiacoibambini® sia stato l’INCONTRO della mia vita, ciò che mi ha donato il privilegio d’imparare a essere e, solo dopo, a fare, nel senso di mettere in atto, ciò che ho sempre desiderato: tradurre la filosofia, studiata in maniera accademica all’Università, in uno stile di vita, in un modo d’essere fedelmente conforme alla radice del suo significato più puro. Dentro di me, ho sempre saputo quello che cercavo, tuttavia, ignoravo la forma nella quale un giorno si sarebbe palesato ed in FilosofiaCoiBambini l’ho subito riconosciuto, proprio come accade con tutte le cose che attendono di essere svelate e che, una volta scoperte, si accordano perfettamente alle nostre vite, a dimostrare il fatto che fossero da qualche parte, apposta per noi. È per questo che FilosofiaCoiBambini non è il Progetto Educativo che ha solo influito sulla mia vita, ma è ciò che l’ha fatta sbocciare ed in cui ho trovato lo slancio necessario per sostenere la mia quotidiana ricerca interiore: è diventato il mio “Posto” e cresce con me, mutando.

Quali aspetti del Metodo Filosofiacoibambini®
sono più difficili da tradurre nella quotidianità?

Essere pienamente coscienti di non avere risposte e di non conoscere nulla, mai abbastanza, e che si è in cammino, sempre, e ogni volta dal principio; liberarsi da ogni genere di schema mentale, per non restare ingabbiati in miseri, ma troppo spesso comodi confini; sospendere l’immotivata propensione al giudizio e abituarsi a scegliere una diversa linea di condotta, quella del “non fare”, del “non dire” , pur non lasciando al caso, dentro di sé e dinanzi ai bambini, alcuna espressione del volto, del proprio corpo, tutto, e nessuna parola. Rendere questi aspetti, per me, più difficili del Metodo Filosofiacoibambini® come cardini del proprio agire vuol dire fare esperienza della ricchezza del pensiero che sfugge alla chiusura di definizioni dogmatiche.

Qual è stata la soddisfazione più grande raggiunta finora lavorando al Progetto?

Senza dubbio, la consapevolezza della mia persona, che ogni giorno conquisto con meravigliosa fatica accanto alla constatazione, attraverso l’entusiasmante coinvolgimento dei bambini, dell’enorme potenza che il Metodo Filosofiacoibambini® porta in sé, nella sua geniale ed apparente semplicità.

Quali consigli daresti a chi volesse avvicinarsi al Movimento Filosofiacoibambini®?

È importante, per chiunque si avvicini al Movimento Filosofiacoibambini®, esser pronto a mettersi in discussione, sul serio. Occorre che si desideri fare un lavoro su di sé, più grande di quello che ci si possa aspettare dalla semplice partecipazione a un corso volto a illustrare con puntualità quello che si fa in classe, tutti i giorni, in diverse parti d’Italia, con spirito d’innovazione. Ci si deve aspettare di più, perché c’è di più. Comprendere intellettualmente in che cosa consiste il Metodo può essere per tutti, non lo è invece entrare nel suo sostrato, armandosi del coraggio necessario a riporre tutto in gioco, a proposito delle proprie certezze e vedute, ed intraprendere un percorso che non ha un termine preciso, ma che segue il corso naturale dell’evoluzione umana e che dunque è in incessante movimento. Allora bisogna domandarsi: intendo scoprirmi, senza conoscere prima con esattezza verso quali prospettive mi dirigo? In quale misura, sono pronto o pronta a lasciarmi assorbire dalle innumerevoli sfumature della vita? Il mio personale consiglio è di assumere il Metodo Filosofiacoibambini® come fosse una medicina giornaliera: a piccole, ma irrinunciabili dosi, sino a rendersi conto di non poter fare a meno di respirarne lo spirito che lo anima. A chi intenda farne esperienza, dico in tutta franchezza ne valga assolutamente la pena!

Parlaci della tua terra, la Puglia, degli obiettivi presenti e futuri.

La Puglia è la mia terra e come per ogni rapporto d’amore che si rispetti è intenso ed ostinato, nello stesso tempo. È un luogo incantevole, in ogni suo meandro più sconosciuto, perché racconta storie di vita vissuta e conserva gelosamente tradizioni preziose ed io sento di appartenerle con fiero orgoglio, fino in fondo. Ad oggi, risponde accogliente al nuovo che incede, poiché guarda oltre e riconosce in esso la custodia di principi che il tempo non scalfisce e questo è il caso del Metodo Filosofiacoibambini®. Sinora ha suscitato curiosità e voglia di approfondire, da parte di numerosi insegnanti e ciò testimonia il fatto che aleggi un’esigenza di rinnovamento condivisa. Per il futuro, vorrei che il favore nel quale il Metodo si è imbattuto crescesse in maniera estesa, mirando al cuore pulsante degli enti a cui è affidata l’educazione e raggiungendo quanti più bambini possibile.

Cosa auguri al Progetto per il futuro?

Auguro al Progetto Filosofiacoibambini® che diventi ovunque prassi, di cui si avverta e riconosca una necessità imprescindibile. Solo così, potrà essere uno strumento fruibile da tutti, in grado di promuovere un cambiamento forte dall’interno. Adesso più che mai non ci si può fermare né si può fintamente tacere e assecondare una realtà che è sotto gli occhi di tutti e che deve essere modificata, affinché non si areni, regredendo.

Annunci